Ciao Rudy, creatura di Dio



Benedetto sei tu, Dio dei nostri padri, e benedetto per tutte le generazioni è il tuo nome! Ti benedicano i cieli e tutte le creature per tutti i secoli! (Tobia 8,5)
Sì, sì, Dio del padre mio e di Israele tua eredità, Signore del cielo e della terra, creatore delle acque, re di tutte le tue creature, ascolta la mia preghiera. (Giuditta 9,12)
Quanto sono grandi, Signore, le tue opere! Tutto hai fatto con saggezza, la terra è piena delle tue creature. (Salmo 103,24)
Buono è il Signore verso tutti, la sua tenerezza si espande su tutte le creature. (Salmi 144,9)
Benedite, creature tutte che germinate sulla terra, il Signore, lodatelo ed esaltatelo nei secoli. (Daniele 3,76)
Tutte le creature del cielo e della terra, sotto la terra e nel mare e tutte le cose ivi contenute, udii che dicevano: «A Colui che siede sul trono e all'Agnello lode, onore, gloria e potenza, nei secoli dei secoli». (Apocalisse, 5,13)
_____________________

Desideriamo esprimere a voi, e, per il vostro tramite, a tutti i vostri colleghi, il Nostro compiacimento per la competenza, il senso del dovere, con cui (medici veterinari) vi prodigate sia per l’utilità del consorzio civile, nel campo specifico a voi riservato, sia per la cura che prestate agli animali, anch’essi creature di Dio, che nella loro muta sofferenza sono tuttavia un segno dell’universale stigma del peccato, e dell’universale attesa della redenzione finale, secondo le misteriose parole dell’apostolo Paolo: «L’intera creazione anela ansiosamente alla manifestazione gloriosa dei figli di Dio... Anch’essa verrà affrancata dalla schiavitù della corruzione per partecipare alla libertà della gloria dei figli di Dio» (Rom. 8, 19, 21). [Paolo VI, Udienza generale, 28 maggio 1969].

________________

Nota personale:

Ogni creatura di questa terra benedice, con la sua vita, il Creatore di tutti, partecipa in qualche modo alla sua gloria futura. Un cane allora non è solo un cane, ma una creatura, come anche un amico, un riferimento affettivo, un compagno delle nostre giornate e dei nostri sogni, dei nostri desideri e delle nostre aspettative. Ci confidiamo con lui, ci apriamo a lui e sembra comprendere più di qualcun altro il nostro vero animo. D'altronde, con lui, non abbiamo bisogno di fingere, egli è amico discreto, a volte scontroso, ma solo per un attimo. Poi ritorna vicino a volere una carezza, a voler giocare o correre o uscire o solo mangiare quel boccone particolarmente buono. Lo dico io che non ho mai avuto un cane e quindi potrei ingannarmi, ma forse quello che penso non è distante dall'esperienza di molti. Ti saluto dunque, Rudy, che sei stato fino ad oggi creatura di questo mondo come lo siamo noi, amico caro di un mio caro amico, compagno della sua vita fino ad ora, ma per sempre nel cuore. Non lo lasciare mai!