La ricerca interiore


Storia Zen

Durante il periodo Kamakura, Shinkan studiò la dottrina di Tendai per sei anni e poi studiò lo Zen per sette anni; poi andò in Cina, dove contemplò lo Zen per altri tredici anni. Quando tornò in Giappone, molti volevano parlare con lui e gli facevano domande confuse. Ma quando Shinkan riceveva qualche visitatore, cosa rarissima, era molto difficile che rispondesse a quelle domande.
Un giorno uno studioso di Illuminazione, un uomo che aveva una cinquantina d'anni, disse a Shinkan: «Ho studiato il pensiero filosofico di Tendai da quando ero bambino, ma c'è una cosa che non riesco a capire. Tendai sostiene che anche l'erba e gli alberi diventeranno illuminati. Questo a me sembra molto strano».
«A che serve discutere come fanno a diventare illuminati l'erba e gli alberi?» domandò Shinkan. «L'importante è come fai a diventarlo tu. Te lo sei mai domandato?».
«Non ci avevo mai pensato in questi termini» disse stupito il vecchio.«Allora va' a casa e pensaci sopra» tagliò corto Shinkan.

(tratto da: 101 Storie Zen, a cura di Nyogen Senzaki e Paul Reps, Adelpi, Milano 1973)


______________
Nota personale:
A volte siamo tentati di studiare e di scoprire cose che, in fin dei conti, non hanno molta importanza, che riguardano più l'esterno che la propria intimità. E questo è un esempio tratto da una storia Zen. Il tempo della vita è dato per capire quello che siamo noi e per ricercare la Verità. Ma per fare questo non dobbiamo soffermarci su cose banali o su argomenti (comunque validi) che spesso distraggono dal compito fondamentale della nostra esistenza. Alla fine di tutte le filosofie, le teologie, le scienze e le arti di questo mondo, rimane soltanto una questione importante: ed è quella che deve diventare il vero oggetto della nostra ricerca.