27 dicembre 2015

Rime del cuore morto

Rime del cuore morto
 O piccolo cuor mio, tu fosti immenso
 come il cuore di Cristo, ora sei morto;
 t’accoglie non so più qual triste orto
 odorato di mammole e d’incenso.

 Uomini, io venni al mondo per amare

 e tutti ho amato! Ho pianto tutti i pianti
 vostri e ho cantato tutti i vostri canti!
 Io fui lo specchio immenso come il mare.

 Ma l’amor onde il cuor morto si gela,
 fu vano e ignoto sempre, ignoto e vano!

 Come un’antenna fu il mio cuore umano,
 antenna che non seppe mai la vela.

 Fu come un sole immenso, senza cielo
 e senza terra e senza mare, acceso
 solo per sé, solo per sé sospeso

 nello spazio. Bruciava e parve gelo.

 Fu come una pupilla aperta e pure
 velata da una palpebra latente;
 fu come un’ostia enorme incandescente,
alta nei cieli fra due dita pure,


 ostia che si spezzò prima d’avere
 tocche le labbra del sacrificante,
 ostia le cui piccole parti infrante
 non trovarono un cuore ove giacere. 

(Sergio Corazzini [1886-1907], tratto dalla raccolta "L'amaro calice", 1905)